Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
29 aprile 2021
La notifica della riassunzione presso il difensore domiciliatario è nulla ma non inesistente: Cassazione

Con Ordinanza 27 aprile 2021, n. 11102, la Cassazione ha precisato che la riassunzione notificata non presso la parte personalmente è nulla, dunque sanabile per raggiungimento dello scopo.

In particolare, gli ermellini hanno evidenziato che la riassunzione del giudizio davanti al giudice di rinvio, eseguita con notificazione presso il domiciliatario ovvero al difensore costituito nelle pregresse fasi di merito, anziché alla parte personalmente, è nulla, ma - data la possibilità di ricollegare tali soggetti con precedenti designazioni della stessa parte - non è inesistente.

In sostanza, precisa la Corte, fermo il principio che è inesistente la notificazione eseguita in luogo privo di collegamento con il destinatario ovvero quando omessa la consegna dell'atto da notificare, mentre è nullaquando essa, nonostante l'inosservanza di formalità e di disposizioni di legge, sia comunque materialmente avvenuta mediante rilascio di copia dell'atto a persona e luogo avente un qualche riferimento con il destinatario della notificazione, la notifica avvenuta al difensore delle contribuenti nelle fasi di merito, seppure non più loro rappresentante nel successivo giudizio di legittimità, non conduce, proprio per la riferibilità dello stesso alle odierne ricorrenti, a una dichiarazione di inesistenza della notifica dell'atto in riassunzione.