24 luglio 2021
La Corte sulla sentenza autografa che risulti illeggibile

Nell’epoca delle sentenze telematiche, la Cassazione è tornata ad occuparsi delle sentenze autografe di cui si contesti l’illeggibilità e, con essa, la lesione del diritto di difesa.

Con Ordinanza 21 luglio 2021, n. 20814, la sezione tributaria ha ricordato che, in mancanza di un'espressa comminatoria, non è configurabile alcuna nullità della sentenza nel caso in cui il testo originale, anziché formato dal cancelliere, in caratteri chiari e facilmente leggibili, mediante copiatura dalla minuta redatta dal giudice, risulti pubblicato direttamente nell'originale minuta scritta di pugno dal giudice, ancorché con grafia non facilmente leggibile: l'inosservanza delle disposizioni concernenti la formazione, ad opera del cancelliere, del testo originale della sentenza e la redazione della minuta in caratteri chiari e facilmente leggibili, evidenziano gli Ermellini, danno infatti luogo a semplici irregolarità, a meno che il testo autografo del giudice non sia assolutamente inidoneo ad assolvere la sua funzione essenziale, consistente nell'esteriorizzazione del contenuto della decisione.

Come ricordato dalla Corte, la giurisprudenza di legittimità ha, peraltro, precisato che, per originare una nullità a regime intermedio in quanto lesiva del diritto di difesa, l'indecifrabilità grafica della sentenza deve dare luogo ad una difficoltà di lettura non agevolmente superabile.