29 luglio 2021
La Cassazione torna sul concetto di “famiglia fiscale”

In ambito di accertamento sintetico, con Ordinanza 27 luglio 2021, n. 21547, la Cassazione ha ricordato che, in tema di accertamento cd. sintetico, ove il contribuente deduca che la spesa effettuata deriva da risorse di natura non reddituale di cui ha goduto il proprio nucleo familiare, ai sensi dell'art. 38, comma 6, D.P.R. n. 600/1973 (applicabile "ratione temporis" per il 2007), per consentire la riferibilità della maggiore capacità contributiva a tali ulteriori redditi, è onerato della prova contraria in ordine alla loro disponibilità, alla loro entità ed alla durata del relativo possesso.
Sebbene non debba dimostrarne l'utilizzo per sostenere le spese contestate, è tenuto a produrre documenti da cui emergano elementi sintomatici del fatto che ciò sia accaduto o sia potuto accadere.