2 agosto 2021
La Corte sulla liquidazione delle spese di giudizio

Con Ordinanza 27 luglio 2021, n. 21541, la Cassazione ha sottolineato che, in tema di liquidazione delle spese giudiziali determinate ai sensi del D.M. n. 140/2012, «la disciplina secondo cui i parametri specifici per la determinazione del compenso sono, "di regola", quelli di cui alla allegata tabella A, la quale contiene tre importi pari, rispettivamente, ai valori minimi, medi e massimi liquidabili, con possibilità per il giudice di diminuire o aumentare "ulteriormente" il compenso in considerazione delle circostanze concrete, va intesa nel senso che l'esercizio del potere discrezionale del giudice contenuto tra i valori minimi e massimi non è soggetto a sindacato in sede di legittimità, attenendo pur sempre a parametri fissati dalla tabella, mentre la motivazione è doverosa allorquando il giudice medesimo decida di aumentare o diminuire ulteriormente gli importi da riconoscere, essendo necessario, in tal caso, che siano controllabili sia le ragioni dello scostamento dalla "forcella" di tariffa, sia le ragioni che ne giustifichino la misura» (cfr., Cass., 10/05/2019, n. 12537; id. Cass., 24/02/2020 n. 4782 e Cass. 04/03/2021 n. 6110).