Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
3 agosto 2021
Il ristretto ambito dell’esame nel merito in sede di legittimità: Cassazione

Con Ordinanza 27 luglio 2021, n. 21497, la sezione tributaria della Corte di Cassazione ha precisato che la valutazione di elementi di fatto attiene al giudizio di merito e non è sindacabile in cassazione, a meno che non si tratti di omessa valutazione di circostanze decisive, già sottoposte al contraddittorio delle parti.
In questo caso, l'omessa valutazione può essere posta a fondamento della censura prevista dall'art. 360, n. 5) C.p.c. (omesso esame di un fatto decisivo), che ha presupposti e requisiti del tutto diversi dal motivo di impugnazione riconducibile al n. 3) dello stesso articolo (violazione e falsa applicazione di norme di diritto), perché richiede l'allegazione della mancata considerazione di circostanze, appunto, di fatto (e non di opinioni o di allegazioni difensive), che si rivelino decisive per il giudizio e che siano state sottoposte al contraddittorio delle parti.