1 ottobre 2021
Ai fini del registro, rileva solo la natura dell’effetto giuridico finale: tris di ordinanze della Cassazione

Con alcune Ordinanze 29 settembre 2021, n. 26499, n. 26503 e n. 26505, la Sezione tributaria della Cassazione ha ricordato che l'incorporazione in un solo documento di più dichiarazioni negoziali, produttive di effetti giuridici distinti e l'incorporazione in documenti diversi di dichiarazioni negoziali miranti a realizzare, attraverso effetti giuridici parziali, un unico effetto giuridico finale traslativo, costitutivo o dichiarativo costituiscono tecniche operative alternative per i contribuenti, che si trovano, però, dinanzi ad una sola e costante qualificazione giuridica formulata dal legislatore tributario: la sottoposizione ad imposta di registro del loro atto o dei loro atti in base alla natura dell'effetto giuridico finale dei loro comportamenti, semplici o complessi che essi siano.