4 ottobre 2021
Gli Ermellini ricordano che il sintetico è mezzo di accertamento e non di determinazione del reddito

La Sezione tributaria della Cassazione, con Ordinanza 29 settembre 2021, n. 26369, ha ricordato che l'accertamento sintetico ha natura di mezzo di accertamento e non di mezzo di determinazione del reddito, pena l'illegittima compressione dei diritti emergenti dagli artt. 3,24 e 53 Cost.

La Corte, in particolare, ha ribadito che se appare ammissibile la predisposizione di mezzi di contrasto all'evasione fiscale che rendano più agile e, quindi, più efficace l'azione dell'Ufficio, come indubbiamente sono i sistemi di accertamento standard (parametri e studi di settore), il limite della utilizzabilità degli stessi sta, da un lato, nella impossibilità di far conseguire, alla eventuale incongruenza tra standard e ricavi dichiarati, un automatismo dell'accertamento; dall'altro, nel riconoscimento della partecipazione del contribuente alla fase di formazione dell'atto di accertamento mediante un contraddittorio preventivo, che consente di adeguare il risultato dello standard alla concreta realtà economica del destinatario dell'accertamento, concedendo a quest'ultimo, nella eventuale fase processuale, la più ampia facoltà di prova (anche per presunzioni), che sarà, unitamente agli elementi forniti dall'Ufficio, liberamente valutata dal giudice adito.

Alla luce di tali considerazioni, quello dell'accertamento per standard appare un sistema unitario con il quale il legislatore, nel quadro di un medesimo disegno funzionale ad agevolare l'attività accertatrice nel perseguire l'evasione fiscale, ha individuato strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica della normale redditività, di determinate attività catalogate per settori omogenei.