Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
15 ottobre 2021
Novità in arrivo sul fronte della riscossione esattoriale: le anticipazione del MEF

Arrivano buone notizie per i contribuenti che si ritrovano a dover gestire il proprio debito (rateizzazioni, definizioni agevolate, notifiche) nei confronti dell'Agente della Riscossione, alla luce dell'ormai corrente nonché consolidata ripresa delle attività ordinarie svolte da quest'ultimo.

È a tutti noto, infatti, che a far data dal 1° settembre scorso sono ripartite (seppur gradualmente) le notifiche di milioni di cartelle esattoriali, molte delle quali riferite al periodo oggetto di sospensione per effetto dei vari provvedimenti normativi succedutesi nel corso della pandemia (08.03.2020 - 31.08.2021). Oltre a ciò, abbiamo assistito, inoltre, alla ripresa dei pagamenti delle rate afferenti i piani di definizione agevolata (rottamazione ter e saldo e stralcio), con le scadenze fissate dall'ultimo Decreto "Sostegni bis" (31 luglio - 31 agosto - 30 settembre - 31 ottobre - 30 novembre). Senza dimenticare, tuttavia, che il 30 settembre scorso scadeva il termine per riportare il numero delle rate non pagate al di sotto delle 10, in relazione a tutti quei piani di rateazione che alla data dell'8.03.2021 (data di inizio delle varie sospensioni legate al COVID) risultavano ancora "in essere".

Proprio al fine di mitigare gli effetti deleteri che una ripartenza cosi brusca ed invasiva potrebbe generare sulle sorti di un intero comparto economico, il MEF ha fatto sapere - per il tramite di una risposta fornita ieri in seguito ad un'interrogazione parlamentare - che all'interno del Decreto fiscale (c.d. "Collegato alla Manovra") di prossima emanazione (il CDM per la discussione è fissato per il week end) sarà inserito un pacchetto di misure ad hoc, riguardanti il tema della riscossione esattoriale.