Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
20 ottobre 2021
L’inerenza è finalizzata all’attività d’impresa: Cassazione

Gli Ermellini, con Ordinanza 18 ottobre 2021, n. 28724, hanno evidenziato che, in materia di deducibilità dei costi d'impresa, la derivazione dei costi da una attività che è espressione di distrazione verso finalità ulteriori e diverse da quelle proprie dell'attività dell'impresa, come in caso di operazioni oggettivamente inesistenti per mancanza del rapporto sottostante, comporta il venir meno dell'indefettibile requisito dell'inerenza tra i costi medesimi e l'attività imprenditoriale, inerenza che è onere del contribuente provare, al pari dell'effettiva sussistenza e del preciso ammontare dei costi medesimi.
Tale ultima prova, prosegue la Corte, non può, peraltro, consistere nella esibizione della fattura, in quanto espressione cartolare di operazioni commerciali mai realizzate, né nella sola dimostrazione della regolarità formale delle scritture contabili o dei mezzi di pagamento adoperati, i quali vengono normalmente utilizzati proprio allo scopo di far apparire reale un'operazione fittizia (Cass. sez. 5, n. 33915 del 19 dicembre 2019).