Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
24 novembre 2021
Quali i criteri per corroborare lo scostamento dai valori OMI? Cassazione

La rettifica della rendita non può basarsi solo sulla discordanza con i valori OMI e la Cassazione ne chiarisce i presupposti ulteriori.

È quanto forma oggetto dell’Ordinanza 22 novembre 2021, n. 36022, con cui gli Ermellini hanno precisato che gli ulteriori elementi indiziari, necessari a corroborare l'eventuale discrepanza tra il prezzo dichiarato e i valori OMI, possono sicuramente consistere nella grave antieconomicità della gestione aziendale, nelle risultanze dello studio di settore applicato o nell'ottenimento, da parte di acquirenti dei cespiti, di finanziamenti ben più elevati rispetto al valore dell'immobile compravenduto; indici tutti, conclude la Corte, del fatto che il prezzo reale è stato maggiore di quello dichiarato in sede di rogito, con conseguente recupero ad imposta della differenza in termini di volume d'affari.