Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
21 gennaio 2022
Ai fini del gratuito patrocinio, si tiene conto anche del reddito di cittadinanza

Con la Risposta ad Interpello 19 gennaio 2022, n. 31, l'Agenzia delle Entrate ha precisato che, ai fini dell'ammissione al gratuito patrocinio, deve tenersi conto anche del reddito di cittadinanza, percepito dall'interessato.
In particolare, l'Agenzia ha ricordato che il reddito di cittadinanza è riconosciuto "ai nuclei familiari", al ricorrere di requisiti soggettivi e reddituali che definiscono la condizione economica rilevante per l'erogazione del sussidio, alcuni dei quali sono da verificarsi in capo al componente richiedente il beneficio, altri sono da verificarsi in capo al nucleo familiare nel suo complesso e altri ancora attengono a ciascun componente del nucleo familiare singolarmente considerato.
Nel caso in cui il reddito di cittadinanza sia stato riconosciuto in favore del nucleo familiare di cui fa parte anche il richiedente il gratuito patrocinio, che dichiara di "beneficiare" del predetto reddito attraverso la carta intestata al coniuge, nella determinazione del reddito personale andrebbe considerato anche il predetto reddito per la quota del 50%, nel presupposto che nel nucleo familiare, oltre ai due coniugi, non ci siano altri componenti maggiorenni.