Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
25 gennaio 2022
Nessun automatismo penale-tributario per la forode carosello: Cassazione

Il “doppio binario” impone al giudice tributario un vaglio critico del materiale probatorio, anche in presenza di una sentenza penale irrevocabile.
Lo ha ricordato la Sezione tributaria, la quale, con Ordinanza 20 gennaio 2022, n. 1701, ha precisato che, in caso di frode carosello, il giudice tributario, nel verificare se il contribuente fosse consapevole dell'inserimento dell'operazione in un'evasione di imposta, non può riferirsi alle sole risultanze del processo penale, ancorché riguardanti i medesimi fatti, ma, nell'esercizio dei suoi poteri, è tenuto a valutare tali circostanze sulla base del complessivo materiale probatorio acquisito nel giudizio tributario, non potendo attribuirsi alla sentenza penale irrevocabile su reati tributari alcuna automatica autorita` di cosa giudicata, attesa l'autonomia dei due giudizi, la diversita` dei mezzi di prova acquisibili e dei criteri di valutazione.