12 febbraio 2022
Gli Ermellini ricordano che le indagini finanziarie non impongono l’invito

Con Ordinanza 8 febbraio 2022, n. 3883, la Cassazione ha evidenziato che, in tema di accertamento delle imposte, la legittimità della ricostruzione della base imponibile, mediante l'utilizzo delle movimentazioni bancarie acquisite, non è subordinata al contraddittorio con il contribuente, anticipato alla fase amministrativa.
L'invito a fornire dati, notizie e chiarimenti in ordine alle operazioni annotate nei conti bancari costituisce per l'Ufficio una mera facoltà, da esercitarsi in piena discrezionalità, e non un obbligo, sicché dal mancato esercizio di tale facoltà non deriva alcuna illegittimità della rettifica operata in base ai relativi accertamenti.