4 marzo 2022
La Corte ricorda che l’amministratore di fatto della “cartiera” risponde sempre delle sanzioni

L'esonero da responsabilità per le sanzioni dell'amministratore di fatto incontra il limite dell'inesistenza delle operazioni.

Lo ha ricordato la Cassazione con Ordinanza  2 marzo 2022, n. 6901, ove si precisa che il principio secondo cui le sanzioni amministrative, relative al rapporto tributario proprio di società o enti con personalità giuridica, sono esclusivamente a carico della persona giuridica anche quando essa sia gestita da un amministratore di fatto, non opera nell'ipotesi di società cartiera, atteso che, in tal caso, la società è una mera fictio, utilizzata quale schermo per sottrarsi alle conseguenze degli illeciti tributari commessi a personale vantaggio dell'amministratore di fatto.