Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
15 novembre 2022
Via libera della Corte ai documenti in lingua straniera

La lingua italiana è obbligatoria per gli atti processuali in senso proprio e non per i documenti prodotti dalle parti; i quali, se redatti in lingua straniera, devono pertanto ritenersi acquisiti ed utilizzabili ai fini della decisione, avendo il giudice la facoltà, ma non l'obbligo, di procedere alla nomina di un traduttore (Sentenza 9 novembre 2022 n. 33079).