30 settembre 2021N. 150
L'oggetto del giudizio tributario mutatio vs emendatio libelli

Il giudizio tributario ha un oggetto ben definito, delimitato, da una parte, dalle motivazioni dell'atto impositivo e, dall'altro, dai motivi di impugnazione. Tanto nel corso del primo grado di giudizio quanto nel secondo, vige un principio di tendenziale immutabilità del predetto oggetto. Vi sono tuttavia delle eccezioni, tra le quali quella della c.d. emendatio libelli, vale a dire la possibilità, a determinate e tassative condizione, di ampliare il thema decidendum attraverso nuovi motivi.

La possibilità di illustrare e precisare i precedenti motivi, invece, non è soggetta a limitazioni (emendatio libelli). Nella pratica è molto difficile riuscire a distinguere se si è in un caso o nell'altro dato che la stessa distinzione non è immediatamente comprensibile e, comunque, il confine è indefinito. Le perplessità, quindi, sono del tutto ammesse in materia…ma per fortuna, nell'ultimo paragrafo, forniremo la chiave di volta per risolvere ogni dubbio.

di Pierluigi Antonini - Avvocato, Dottore di ricerca in diritto tributario

L'OGGETTO DEL GIUDIZIO TRIBUTARIO

Nel giudizio tributario, come per tutte le altre giurisdizioni, è di fondamentale importanza individuarne l'oggetto, vale a dire il sul perimetro, all'interno del quale il giudice deve muoversi.

...