Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
18 maggio 2021 N. 61 - Contenzioso
Il divieto di ius novorum investe anche l'ufficio che sollevi questioni non oggetto di accertamento: la Cassazione ricorda che la motivazione non è integrabile in giudizio

Il perimetro del thema decidendum è solo e soltanto quello tracciato dal contenuto dell'atto impugnato e dai motivi di ricorso. Con Sentenza 11399 del 30 aprile, la quinta Sezione della Corte di Cassazione ricorda che il principio riguarda, a pieno titolo, anche l'ufficio impositore che proponga appello sollevando una questione non oggetto di accertamento, la cui motivazione non è integrabile in sede contenziosa; duplice la violazione commessa in casi come questo, che investe, da un lato, il profilo processuale del divieto di ius novorum previsto dall'articolo 57, D.Lgs. n. 546/92, dall'altro, quello sostanziale contenuto nelle norme sulla motivazione degli accertamenti.

Di grande impatto la conclusione cui perviene la Corte: non può mutare la natura dell'accertamento.

di Marco Ligrani - Dottore Commercialista in Bari

LA VICENDA PROCESSUALE

La Commissione Tributaria Regionale accoglieva l'appello proposto dall'Agenzia delle Entrate, avverso la sentenza di primo grado che aveva, invece, accolto il ricorso proposto dal un contribuente avverso un avviso di accertamento in materia di ...

Il tuo sistema intelligente di aggiornamento professionale
Non sei ancora abbonato?
Non sei ancora abbonato?