Home
Network ALL-IN
Explora
Rubriche
Strumenti
Fonti
23 giugno 2021 N. 86 - Reati documentali
La valenza nel processo penale delle dichiarazioni dei terzi rese in sede amministrativa

La sentenza della Suprema Corte, terza sezione penale, n. 13275 del 2021 (udienza del 5 marzo 2021), consente di affrontare il delicato tema della valenza delle dichiarazioni dei terzi in sede penale rese nell'esercizio di un'attività ispettiva, e dunque, in sede amministrativa.

La questione è delicata, in quanto le dichiarazioni rese dai terzi durante l'attività ispettiva, che nel caso di specie erano i commercialisti, confluite nel processo verbale di constatazione, possono validamente trovare ingresso nel processo penale ai fini probatori solo entro i limiti di cui all'art. 220 disp. att. c.p.p..

Tale disposizione garantisce il diritto di difesa assicurato dalle norme di tutela previste dal codice di procedura penale, sicchè gli elementi acquisiti in violazione di dette norme sono inutilizzabili ai fini probatori nel processo penale.

di Rebecca Amato - Avvocato tributarista

LA QUESTIONE

I Supremi Giudici sono stati chiamati a pronunciarsi a fronte dell'imputazione di un contribuente per i reati di frode fiscale, ovvero la fattispecie di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (...

Benvenuto nel nuovo sistema intelligente di aggiornamento professionale
Non sei ancora abbonato?
Non sei ancora abbonato?